Europan 11, Linz

Il sito selezionato dalla città di Linz per l’undicesima edizione del concorso Europan è l’area dismessa della Manifattura tabacchi progettata da Peter Behrens e Alexander Popp intorno al 1930.
Il progetto di recupero dei fabbricati e di valorizzazione dell’area è concepito per essere realizzato in tre diverse fasi necessarie per la rigenerazione del complesso a nuova attrazione centrale e culturale di riferimento per il tessuto disomogeneo in cui si colloca.

La prima fase, the cleaning, consiste nella rimozione di tutte le superfetazioni che non rispondono al layout originale riportando in evidenza le forme pensate da Behrens e Popp. Una serie di scatole indipendenti e strutture di vetro permettono di non modificare il volume e scandire la struttura originale adattandola alle nuove funzioni ospitate. La fase successiva, water invasion, collegamento visivo e concettuale con l’intera città divisa dal corso del Danubio, completa l’intervento di valorizzazione delle strutture esistenti: l’acqua pervade l’intero complesso ad eccezione dei percorsi pedonali e ciclabili di collegamento tra gli edifici e la città che ricalcano le precedenti tracce industriali. La terza ad ultima fase, the monolith, prevede la costruzione di un nuovo edificio che si configura come un lembo sollevato sull’acqua a chiusura e protezione della piazza dal traffico esterno. Il monolite è un volume compatto caratterizzato dalla presenza di alcuni tagli verticali e ospita parte dello spazio espositivo oltre che a identificare l’accesso al sito. L’edificio, con la sua caratteristica di astrazione, non cerca di sopraffare o competere con i volumi preesistenti ma ridisegna la geometria dello spazio rispettando la tipologia a corte regolare che caratterizza il contesto urbano.

L’idea è di destinare questa parte di città non più alla routine della produzione industriale ma alla vita quotidiana degli abitanti permettendogli di prendere possesso di un pezzo di storia della città stessa; memoria collettiva e curiosità di percorrere un luogo prima recintato, chiuso, utilizzato da pochi per esclusive finalità lavorative, sono importanti motori per lo sviluppo dell’ex fabbrica. Gli ampi spazi poco frazionati dei magazzini e della fabbrica di sigarette vengono pensati nel primo caso ad uso pubblico con attività commerciali, direzionali; nel secondo caso ad uso semi-pubblico con l’innesto di sale conferenze, stanze d’hotel e appartamenti residenziali. La logica di questo tipo di intervento cerca di inserirsi in modo puntuale e poco invasivo nei confronti dell’esistente, tramite la progettazione di volumi indipendenti che consentono di non modificare percettivamente la scansione strutturale originaria. I restanti edifici – la power station e il nuovo edificio monolite – oltre a connettersi a quota piazza e consentire una connessione ipogea col passaggio del tram underground e dalla relativa stazione, con annesse biglietterie e attività commerciali, diventano i luoghi museali e preferenziali per l’osservazione degli edifici rendendo testimonianza della storia e dell’architettura della fabbrica.

 

  • LOCATION: Austria, Linz
  • STATUS: Runner Up
  • ANNO: 2011
  • CATEGORIA: Restauro, Restauro Urbano
  • TEAM DI PROGETTO: Archh. N. Montini, M. Galiotto, A. Rampazzo, G. L. Zoli, M. Montagnini, F. Fusaro

PROGETTI DELLA STESSA TIPOLOGIA